La rivoluzione digitale governa ormai la nostra vita. Ci chiediamo, tra speranze e nevrosi, se il web ci renda liberi o ci opprima, ci arricchisca o renda miserabili. Questa applicazione, oltre a illustrare il libro e presentare l'autore, tra testi e video, pone direttamente queste domande al pubblico di Internet e dei social media.
Scarica da
iTunes Store
Scarica da
Google Play

survey

I grafici a lato mostrano i risultati della survey condotta attraverso le applicazioni
Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...
Hanno partecipato
...

il libro

La rivoluzione digitale governa ormai la nostra vita. Ci chiediamo, tra speranze e nevrosi, se il web ci renda liberi o ci opprima, ci arricchisca o renda miserabili. Con la fine del Novecento si è chiuso il secolo delle Masse e si è inaugurato il XXI, quello delle Persone, gli Individui. Ma a decidere le sorti della rivoluzione saranno i nuovi contenuti che sapremo creare, senza lasciarci ipnotizzare dalla potenza della tecnologia.

l'autore

Sono Gianni Riotta, lavoro sui New media a Princeton University e Luiss di Roma e faccio ricerca sui Big Data con il team di Imt Lucca. Ho lavorato come vicedirettore e condirettore a Corriere della Sera e La Stampa e ho diretto Tg1 e Sole 24 Ore. Ho scritto per The New York Times, Financial Times, The Guardian, Le Monde, The Washington Post, Süddeutsche Zeitung, Foreign Affairs e ora scrivo per La Stampa e Foreign Policy.

Sto lavorando alla trasformazione dai mass media del Novecento ai Personal Media del XXI secolo, per mettere insieme la forza della nuova tecnologia con i valori classici di equilibrio e tolleranza per l'opinione pubblica digitale. È una bellissima avventura e ne parlo nel mio libro Il web ci rende liberi? Einaudi Editore.

Mi trovate su twitter @riotta

video

Il web ci rende liberi o ci rende schiavi?
I social media aiutano le rivolte democratiche?
La tecnologia e il Web sono neutrali?
DESIGN: